Eco pelliccia vs pelliccia, un tema che divide spesso gli appassionati di moda

Che eco pelliccia sia!


Karl Lagerferl disse: “You cannot fake chic, but you can be chic and fake fur.”
Ossia, non ci si può fingere chic, ma si può essere chic con una pelliccia finta.
Partiamo dalle sue sagge parole: essere fashion victim non significa non essere attente ai temi dell’eco sostenibilità e dell’impegno ambientale. Impossibile negarlo, il tema divide gli appassionati di moda e sempre più stilisti hanno deciso di sostituire la pelliccia vera con quella eco, che spesso non ha nulla a che invidiare a quella naturale. Un’alternativa consapevole, moderna e duttile.

Soprattutto questo autunno inverno, la pelliccia sarà un vero e proprio must have.
Cappotti, cappe, pull, gilet, ma anche colli, cappelli pelosi, borse, scarpe e accessori tutti eco vengono proposti da marchi come Armani, Prada, Gucci, Woolrich, Fabiana Filippi. La designer Elisabetta Franchi è molto attiva in questo settore ma tra le più grandi sostenitrici dell’eco-friendly c’è Stella McCartney: l’eco sostenibilità è la filosofia alla base di tutte le sue creazioni; nell’ideazione e nella realizzazione di tutti i suoi capi non usa tessuti come pelle o pelliccia e dà sempre più spazio a linee di tessuti organici. Per lei, lo sport e la natura sono le fondamenta per uno stile di vita salubre e all'insegna del benessere psico-fisico.

Eclipse presta da sempre particolare attenzione nella scelta dei materiali e propone diversi capi in eco pelliccia.
Un consiglio per sfoggiarli? Alla base un look sobrio: skinny jeans, stivali o francesine. Che eco pelliccia sia!

Condividi: